L’allenatore dei Warriors Steve Kerr identifica un aspetto chiave dello sviluppo di Jordan Poole

I Golden State Warriors[canotte basket Golden State Warriors poco prezzo] hanno fatto in modo che più giocatori elevassero il loro gioco a un altro livello in questa stagione. Andrew Wiggins è diventato un All-Star per la prima volta e il centro Kevon Looney sta avendo una stagione di carriera. Ma nessuno su Golden State ha alzato il proprio livello di gioco più della guardia del terzo anno Jordan Poole.

Poole sta facendo una media di record in carriera in punti, rimbalzi e assist. Guida anche la NBA in percentuale di tiri liberi. I miglioramenti potrebbero sorprendere alcuni, ma Steve Kerr l’ha visto arrivare la scorsa stagione e ha spiegato uno dei motivi principali del successo di Poole.

«Fiducia. Era bravo l’anno scorso, e l’anno scorso ha davvero svoltato l’angolo ed è diventato un buon giocatore NBA quest’anno», ha detto Steve Kerr a ClutchPoints. “Ha così tanta fiducia e fiducia in se stesso. Quindi, anche se inizia lentamente, ha una grande fiducia nel fatto che andrà avanti in una partita e sa quanto è veloce per ottenere buoni tiri ogni volta che vuole e creare attacco per noi. È stato fantastico».

Entrando nella partita di domenica contro i Washington Wizards, Poole ha una media di 17,7 punti e ha segnato 20 o più nelle ultime 12 partite. Quest’anno Poole sta giocando a livello di stelle.negozio canotte basket poco prezzo

Dato che Stephen Curry è fuori, è l’opzione numero 1 della squadra e sta sfruttando appieno l’opportunità. Se non sapevi chi fosse Jordan Poole, dovresti farlo ora. Questo 22enne sarà speciale e terrorizzerà il campionato per molto tempo a venire.

Il piano di ritorno previsto di Jordan Poole, secondo Steve Kerr

Martedì, i Golden State Warriors hanno subito una sconfitta per mano dei Denver Nuggets. Nel primo tempo tutto ciò che poteva andare storto è andato storto. In una partita in cui Stephen Curry aveva bisogno di uno tre per raggiungere 3000, gli ci sono voluti tre quarti per farlo. La partita è arrivata fino al limite e si è conclusa con un airball di Andre Iguodala.

Dopo tutte le cose brutte accadute in questo gioco, i Dubs sono stati in grado di guardare il lato positivo. Uno degli aspetti positivi è stata la notizia del rientro di Jordan Poole nel team dopo aver approvato i protocolli di salute e sicurezza. Steve Kerr ne ha parlato nella sua intervista post-partita.

“Era di buon umore oggi, come ci si potrebbe aspettare. Finalmente uscire da Boston e tornare a casa. Ha fatto un buon allenamento mentre stavamo giocando, e valuteremo tutto giovedì», ha detto Kerr a ClutchPoints.

Poole ha saltato le ultime sei partite. L’ultima volta che è sceso in campo è stato al Madison Square Garden, quando Curry ha stabilito un nuovo record di tutti i tempi da tre punti. Quindi è stato un tempo estremamente lungo lontano dalla squadra. Poole non ha ancora parlato con i media, ma potresti guardarlo e vedere quanto è contento di essere a casa.

Moses Moody è nel podcast di Warriors Multiverse di ClutchPoints

Giovedì i Warriors giocheranno contro i Nuggets per la seconda partita consecutiva. La possibilità che Poole sia nella formazione è probabile, ma in entrambi i casi, i Warriors cercheranno di vendicare la perdita che hanno subito in casa. L’energia che Poole porterà alla squadra al suo ritorno potrebbe essere quella di cui hanno bisogno per vincere la partita.